Nuovo Cinema Aquila: i cittadini interrogano la neo sindaca Raggi

Nuovo Cinema Aquila: subito un nuovo bando di assegnazione. Consegnate in Campidoglio le firme per l’Interrogazione d’Iniziativa Popolare

Il Nuovo Cinema Aquila, l’unico del Pigneto, è ormai chiuso da un anno. Serve subito un nuovo bando di assegnazione perché il cinema torni a svolgere il suo ruolo di coesione sociale sul territorio, coniugando le prime visioni con una programmazione di qualità attenta al cinema d’autore, ai documentari, alle opere prime e ai film indipendenti. Un cinema ma anche e soprattutto un centro culturale di spiccato impegno sociale in stretta connessione con il quartiere e la città.

Nella due giorni di mobilitazione per la riapertura del Nuovo Cinema Aquila sono state raccolte quasi 500 firme per l’Interrogazione d’Iniziativa Popolare per chiedere alla neo Sindaca Raggi i criteri, le tempistiche per l’indizione di un nuovo bando di assegnazione. Contemporaneamente, si chiede conto delle eventuali misure immediate che consentano la riapertura del Cinema anche in via parziale e temporanea, fino alla definitiva assegnazione.

Nuovo Cinema Aquila: Fabrizio Cianci, Edoardo Dell'Acqua e Ilari Valbonesi consegnano le firme in Campidoglio

Nuovo Cinema Aquila: Fabrizio Cianci, Edoardo Dell’Acqua e Ilari Valbonesi consegnano le firme in Campidoglio

L’iniziativa, che ha visto il sostegno di artisti e poeti, è stata promossa dagli attivisti ecoradicali Fabrizio Cianci, Edoardo Dell’Acqua e Ilari Valbonesi. che hanno consegnato le firme presso il Segretariato Generale martedì 28 giugno.

In base alle norme dello Statuto comunale, la neo Sindaca Virginia Raggi dovrà rispondere per iscritto entro e non oltre i 60 giorni dal deposito. La risposta sarà inoltre protocollata, pubblicata sull’Albo Pretorio e inviata a tutti i consiglieri comunali, diventando a tutti gli effetti un atto pubblico sui reali indirizzi della nuova amministrazione rispetto al Nuovo Cinema Aquila.

Attraverso questa iniziativa si intende anche iniziare un processo di trasparenza su tutti i beni demaniali del Comune di Roma, perché essi tornino ad essere amministrati in un’ottica di efficienza e di sviluppo sociale e civile per la città.

> segui tutti gli aggiornamenti sulla pagina Facebook!